DOPO QUANTI ANNI DEVE ESSERE CAMBIATO IL MATERASSO?

Al degradamento di un prodotto come il materasso influiscono svariati fattori: il corretto utilizzo, la corretta manutenzione e l’uso temporale che se ne fa.

Per questo motivo è difficile definire un periodo preciso, che comunque per ragioni igieniche può essere indicato dai 7 ai 10 anni di utilizzo, durante la notte, infatti, il corpo emette un quarto di litro di sudore, tossine e umori corporali, che vanno a depositarsi nel materasso.

Dopo 10 anni la perdita di gran parte dell’elasticità del materasso non assicura più un sostegno sufficiente a rispettare la corretta postura della colonna vertebrale nelle diverse posizioni di riposo. L’uso prolungato di un materasso oltre i 10 anni oltre a non garantire più un livello di igiene ottimale, potrebbe determinare la creazione di avvallamenti nella parti centrali della struttura o inclinazioni sulle fasce laterali.